Seguici su

Sezioni

Autoriparatori

Per imprese di autoriparazione si intendono tutte le imprese che svolgono l'attività di manutenzione e riparazione dei veicoli a motore, ivi compresi i ciclomotori, macchine agricole, rimorchi e carrelli adibiti al trasporto su strada di persone e cose.

In base all'art. 1 della legge n. 122 del 1992 l'attività di autoriparazione si distingue in:

  • Meccanica e motoristica;
  • Carrozzeria;
  • Elettrauto;
  • Gommista.


Rientrano nell'attività di autoriparazione tutti gli interventi di sostituzione, modificazione e ripristino di qualsiasi componente dei veicoli, nonché l'installazione di impianti e componenti fissi. Rientrano inoltre gli interventi specialistici su autoveicoli quali: interventi su radiatori, carburatori, pompe di iniezione, benzina e diesel, impianti di climatizzazione, impianti per alimentazione GPL o metano, freni e balestre, impianti frigoriferi, impianti di sollevamento, impianti telefonici e musicali, assetti sportivi e carrozzeria speciale.

Non rientrano le attività di lavaggio, di rifornimento di carburante, di sostituzione del filtro dell'aria, del filtro dell'olio, dell'olio lubrificante e di altri liquidi lubrificanti o di raffreddamento e nemmeno le attività di autoriparazione effettuate esclusivamente su autoveicoli o motoveicoli non autorizzati a circolare su strada, come ad auto e moto da competizione, go-kart, ecc.

Le officine per la riparazione di autoveicoli con capienza superiore a 9 autoveicoli sono tenute a chiedere il rilascio del certificato prevenzione incendi.

L’esercizio dell'attività è subordinato alla presentazione della SCIA allo sportello unico per le attività produttive tramite il portale accesso unitario.

Con la SCIA l’imprenditore deve attestare, in particolare, di essere in possesso di tutti i requisiti richiesti dalla normativa vigente, pena il divieto di prosecuzione dell'attività medesima.

L’esercizio dell’attività è subordinato all’osservanza della conformità dei locali rispetto alle norme edilizie, urbanistiche e igienico-sanitarie, nonché alle disposizioni relative alla prevenzione incendi e a quelle in materia di pubblica sicurezza dei locali.

Le domande devono essere presentate esclusivamente in modalità telematica, secondo quanto al SUAP di Russi, competente per il territorio in cui si svolge l'attività o è situato l'impianto, tramite il portale: Accesso Unitario SUAP ER.

Azioni sul documento

pubblicato il 2019/11/13 10:40:00 GMT+1 ultima modifica 2020-08-16T06:07:58+01:00

Segnalazioni