Sito Ufficiale del Comune di Russi

Vai ai contenuti principali
 
Sito Ufficiale del Comune di Russi
 
Sei in: Home - Tutti gli appun... - Giochi di parole a 3 dimensioni  
Tutti gli appuntamenti

Giochi di parole a 3 dimensioni

Oggetti improbabili e umorismo involontario. Fino al 16 gennaio presso la nuova Biblioteca

AMBULENZA

La mostra Giochi di parole a 3 dimensioni  affronta la tematica ludica all’interno di una cornice di assurdo creata dalla costruzione di oggetti-non oggetti che sottendono e celano giochi linguistici divertenti. Uno stretto legame fra i contenuti figurativi e ludici delle parole e la loro trasformazione in “parole oggetto” o “oggetti parola”, affrontando e sviluppando i giochi di e con le parole e proponendoli in forma bi e tridimensionale.
Il gioco, oltre a divertire dà piacere per motivazioni diverse. Nel caso dei giochi con le parole la soddisfazione può esser dovuta ad un’invenzione linguistica, all’emozione di intuire o indovinare, alla sorpresa di una combinazione casuale, alla sfida dell’enigma o alla trasgressione del nonsense, alla spensieratezza della comicità, all’intelligenza dell’ironia... L’importante è giocare.
E se Freud scriveva che «le parole sono un materiale plastico con il quale si può fare di tutto», Gianni Zauli, che da anni si diletta nell’inventare giochi linguistici, ha voluto andare oltre la “semplice” manipolazione verbivora; creato il gioco gli ha dato una forma.

giochi3d

Si son così materializzati bizzarri oggetti che sottendono a precisi giochi di parole. L’aspetto importante dell’operazione artistica è stata la scommessa di portare in 3D quello che normalmente appartiene alla scrittura o al discorso.
Un divertentissimo viaggio attraverso sciarade, parole valigia, nonsense, bisensi e neologismi raccontati attraverso le forme di circa 60 opere. È la loro assurdità che immancabilmente farà ridere o sorridere e magari riflettere sull’universo che ruota attorno e dentro i dizionari; un percorso nella lingua italiana che offre la possibilità di conoscere molti aspetti palesi o nascosti, o talmente normali e quotidiani da non essere notati.
Ed ecco che il kiwi munito di braccia che impugnano una spada nell’azione di suicidarsi assume la forma di Harakiwi ; la caffettiera col manico a forma di lumaca è invece Lumoka ; l’orso che esce da un vecchio 45 giri (BariBall  di B. Ursus e Mr. Grizzly, cantato da Mr. Grizzly, arrang. O. Plantigrado) è Discorso ; dolci parole d’amore scritte su bacelli di piselli sono Legumi  sentimentali ; la banana biforcuta è Binana ; la capra con manico e rotellina dentellata è Capriscatole  e così via in un labirinto di divertimento da non confondere con quelli esposti macchiati d’olio che sono invece Labirunti .

CANE-DA-PUNTA

Gianni Zauli gioca da molto tempo con le parole collaborando con riviste o pubblicando libri e, dopo una prima esperienza espositiva sul gioco di e con le parole dal titolo Quella mostra della parola , si è oggi cimentato con questa operazione che oscilla tra il ludico, il letterario e l’artistico (plastico) con il semplice obiettivo di divertire e, soprattutto, di divertirsi.

 

DAL 17 DICEMBRE 2013 AL 16 GENNAIO 2014
Biblioteca Comunale
Russi (Ra), via Vecchia Godo, 10
Dal Lun. al Ven. 9.00/13.00 e 14.30/18.30 - Mart. 9.00/13.00 e 14.30/22.00
Sab. 9.30/13.00 e 15.00/19.00 - Dom. 10.00/12.00 e 15.00/19.00
Chiuso il 25 dicembre 2013 e la mattina del 1° gennaio 2014

 
Allegati da scaricare
 
 
 
Percorso guidato ai servizi per: