Sito Ufficiale del Comune di Russi

Vai ai contenuti principali
 
Sito Ufficiale del Comune di Russi
 
Sei in: Home - Servizi Comunali - Anagrafe e Stat... - Documenti - Carta d'identità - adulti e minori  
Documenti

Carta d'identità - adulti e minori

immagine-carta-identita

DESCRIZIONE  
Documento di riconoscimento che può essere rilasciato alle persone residenti nel Comune di Russi o, in casi eccezionali, alle persone temporaneamente dimoranti nel Comune (in tal caso previa acquisizione del nulla osta del Comune di residenza).

VALIDITA' DEL DOCUMENTO  
L'art. 10 del Decreto Legge 70/2011 ha profondamente rinnovato la normativa per il rilascio della carta di identità. Le nuove norme prevedono infatti l'emissione delle carte di identità a tutti i cittadini residenti di qualunque età.
E' stato soppresso il limite minimo di età per il rillascio della carta di identità precedentemente fissato in 15 anni, ed è stabilita una validità temporale diversa a seconda dell'età del cittadino:

  • per i minori di età inferiore a 3 anni, 3 anni di validità
  • per i minori di età compresa tra i 3 e i 18 anni, 5 anni di validità
  • per i cittadini maggiorenni, 10 anni di validità.

Il Decreto Legge n. 112 del 25 giugno 2008 ha allungato la vita burocratica della carta d'identità e stabilisce l'estensione della validità a 10 anni  a tutte "le carte di identità in corso di validità alla data di entrata in vigore della presente legge".
I cittadini con Carte di Identità con scadenza quinquennale a far data dal 26 giugno 2008 dovranno recarsi all'Ufficio Anagrafe del Comune per farsi apporre sul documento la dicitura " validità prorogata ai sensi dell'art. 31 del D.L. 25/06/2008 numero 112 fino al..."
Il Decreto Legge n. 5/2012 ha stabilito che le carte di identità rilasciate a partire dal 10 febbraio 2012, riporteranno la scadenza corrispondente al giorno del compleanno del titolare successivo alla scadenza altrimenti prevista per il medesimo documento.
Il rinnovo della carta di identità può essere richiesto a partire dal 180° giorno precedente la scadenza.

MODALITA'  
Richiesta diretta dell’interessato agli sportelli dei Servizi demografici.
Il minore deve presentarsi PERSONALMENTE e con i genitori o con chi ne esercita la potestà genitoriale.

 DOCUMENTI DA PRESENTARE

  • Un documento di riconoscimento valido
  • Tre fotografie recenti a mezzo busto, uguali, a capo scoperto, su sfondo bianco, stampate su carta fotografica
  • In caso di rinnovo o sostituzione per deterioramento occorre anche la vecchia carta di identità, se ancora valida
  • In caso di smarrimento o furto è necessaria anche la denuncia di furto o smarrimento, in originale, rilasciata dall'Autorità di Pubblica Sicurezza (Questura) o dai Carabinieri
  • Per i cittadini minorenni occorre anche un documento di identità dei genitori ai fini della loro identificazione

Per cittadini stranieri residenti , la carta di identità viene rilasciata "non valida ai fini dell'espatrio". Oltre ai documenti previsti per i cittadini italiani, occorre presentare il permesso di soggiorno in corso di validità o la ricevuta del rinnovo.

VALIDITA' PER L'ESPATRIO  
Per  i cittadini italiani maggiorenni che lo richiedono e rendono le necessarie dichiarazioni di assenza di cause ostative, la carta di identità può avere anche validità per l'espatrio nei Paesi che la riconoscono come titolo equipollente al passaporto.
Per i cittadini italiani minorenni o interdetti, la carta d'identità può essere resa valida per l'espatrio con l'assenso di entrambi i genitori o del tutore (qualità che può essere anche autocertificata) o con il nulla osta del giudice tutelare. In caso di rifiuto all'assenso da parte di un genitore è possibile supplire a ciò mediante l'autorizzazione del giudice tutelare.
Il decreto Legge n. 1/2012 ha stabilito che nella carta di identità valida per l'espatrio rilasciata ai minori di 14 anni si può riportare, a richiesta, il nome dei genitori o di chi ne fa le veci. L'uso della carta ai fini dell'espatrio dei minori di anni 14 è subordinato comunque alla condizione che essi viaggino in compagnia di uno dei genitori o di chi ne fa le veci, o che venga menzionato su una dichiarazione rilasciata da chi può dare l'assenso o l'autorizzazione all'espatrio il nome della persona, dell'ente o della compagnia di trasporto a cui i minori vengono affidati. Tale dichiarazione deve essere convalidata dalla Questura o dalle attività consolari in caso di rilascio all'estero.

COSTO  
€ 5,42

TEMPI DI RILASCIO  
Viene rilasciata al momento della richiesta.

DONAZIONE ORGANI

Da gennaio 2017, si può esprimere la propria volontà rispetto alla donazione dei propri organi dopo la morte, presso l'ufficio Anagrafe del Comune di Russi in Piazza Farini n. 1, in occasione del rilascio/rinnovo della carta d'identità.

Il cittadino interessato riceverà un modulo per la dichiarazione da compilare e sottoscrivere. L’ufficiale d’Anagrafe provvederà a registrarla e a trasmetterla al Sistema Informativo Trapianti (SIT) consegnando all’interessato la relativa ricevuta. 

La possibilità di dichiarare il proprio assenso o dissenso alla donazione dei propri organi, con le modalità sopra descritte, si aggiunge alle altre opportunità già attivate presso:

- AUSL  di Ravenna   (URP in via Missiroli n. 10), dove è possibile anche revocare una dichiarazione già espressa;

- AIDO  di Ravenna - Associazione Italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule (in via Sansovino n. 57);

- fare una autodichiarazione  firmata e datata che sarà necessario portare sempre con sé.

Nel progetto denominato "Una scelta in Comune"  collabora anche il Gruppo Comunale AIDO di Ravenna che ha messo a disposizione con proprie risorse il materiale informativo stampato in più lingue proprio per promuovere il valore della donazione anche ai nuovi cittadini stranieri.

La legge italiana per la donazione di organi applica il principio del consenso o dissenso esplicito.

Tutti i cittadini maggiorenni hanno la possibilità di dichiarare la propria volontà in materia di donazione di organi e tessuti dopo la morte. Esprimersi sulla donazione è un'opportunità non un obbligo.

Nel caso in cui la persona non si sia espressa quando era in vita, il prelievo è consentito solamente se i familiari aventi diritto non si oppongono.

 

Per informazioni

 

 

 

 
Correlate:
 
Percorso guidato ai servizi per: