Sito Ufficiale del Comune di Russi

Vai ai contenuti principali
 
Sito Ufficiale del Comune di Russi
 
Sei in: Home - Gli Uffici info... - Donazione organi, dichiarazione di assenso o dissenso anche all'Anagrafe  
Gli Uffici informano

Donazione organi, dichiarazione di assenso o dissenso anche all'Anagrafe

Grazie al progetto "Una scelta in Comune", da gennaio 2017 si può scegliere, al momento del rilascio e del rinnovo della carta d’identità, di donare organi e tessuti

 

Da gennaio 2017, si può esprimere la propria volontà rispetto alla donazione dei propri organi dopo la morte, presso l'ufficio Anagrafe del Comune di Russi in Piazza Farini n. 1, in occasione del rilascio/rinnovo della carta d'identità.

Il cittadino interessato riceverà un modulo per la dichiarazione da compilare e sottoscrivere. L’ufficiale d’Anagrafe provvederà a registrarla e a trasmetterla al Sistema Informativo Trapianti (SIT) consegnando all’interessato la relativa ricevuta. 

 

La possibilità di dichiarare il proprio assenso o dissenso alla donazione dei propri organi, con le modalità sopra descritte, si aggiunge alle altre opportunità già attivate presso:

- AUSL  di Ravenna  (URP in via Missiroli n. 10), dove è possibile anche revocare una dichiarazione già espressa;

- AIDO  di Ravenna - Associazione Italiana per la donazione di organi, tessuti e cellule (in via Sansovino n. 57);

- fare una autodichiarazione  firmata e datata che sarà necessario portare sempre con sé.

 

Nel progetto denominato "Una scelta in Comune"  collabora anche il Gruppo Comunale AIDO di Ravenna che ha messo a disposizione con proprie risorse il materiale informativo stampato in più lingue proprio per promuovere il valore della donazione anche ai nuovi cittadini stranieri.

La legge italiana per la donazione di organi applica il principio del consenso o dissenso esplicito.

Tutti i cittadini maggiorenni hanno la possibilità di dichiarare la propria volontà in materia di donazione di organi e tessuti dopo la morte. Esprimersi sulla donazione è un'opportunità non un obbligo.

Nel caso in cui la persona non si sia espressa quando era in vita, il prelievo è consentito solamente se i familiari aventi diritto non si oppongono.

È sicuramente un modo per ridare la vita a chi è in attesa di trapianto.

 

Nel 2015 i trapianti di organi nel nostro Paese sono stati 3.317 (67 in più rispetto al 2014). Al 31/12/2015 i pazienti in lista di attesa erano 9.070: la maggior parte di questi è in lista di attesa per ricevere un trapianto di rene (6.765). Sono 1.072 i pazienti iscritti in lista per il fegato, 731 per il cuore e 383 per il polmone.

 

 

Per informazioni

 

 

 

 

 
Allegati da scaricare
Pieghevole AIDO - Russi (3.093kB - PDF)
 
 
 
Percorso guidato ai servizi per: